IL MEDIO ORIENTE IN FERMENTO:

TURCHIA, ARABIA SAUDITA, IRAN :IMPERIALISMI LOCALI
IN PRECARIO EQUILIBRIO
Il Medio Oriente è quella vasta area geografica che si estende fra il Mediterraneo el’Oceano Indiano e fra il Mar Nero e il Mar Caspioe il Mar Rosso. In questa vasta area si è sviluppata una storia millenaria che ha visto il sorgere e il tramontare di diversi imperi e che ha visto soprattutto il sorgere e lo svilupparsi delle tre grandi religioni monoteiste
.
Vogliamo cercare di capire qualcosa di questo complesso mondo in cui si stanno muovendo interessi eterogenei in presenza di cambiamenti non solo per gli imperialismi dominanti all’indomani del secondo conflitto mondiale, ma anche per una certa evoluzione o involuzione che si ha nel variegato mondo islamico ….
Per continuare a leggere cliccare sul link sottostante

UTE – ATTUALITA’

LA RIVOLUZIONE RUSSA.

LA SITUAZIONE DELLA RUSSIA PRERIVOLUZIONARIA
Nel 1917 ci sono ben due rivoluzioni in Russia,quella di febbraio e quella di ottobre, anche seper il calendario gregoriano devono essere collocate rispettivamente nel mese di marzo e dinovembre.
IL SISTEMA DEGLI IMPERI EUROPEI
L’Impero zarista è coinvolto nella prima guerra mondiale che si sta conducendo senza risultatipositivi, nonostante l’iniziale occupazione della Galizia austriaca, che poi dovette essereabbandonata. Possiamo dire che questo conflitto è divenuto davvero europeo e poi mondiale,perché la Russia si era proposta di difendere la Serbia, in quanto nazione slava, sottoposta ad
un ultimatum umiliante dopo l’assassinio di Sarajevo. Il sistema di alleanze ha poi determinato il coinvolgimento di altri governi.
Fra le potenze europee, il grande Impero zarista non era meno “malato”, o mal ridotto, di altri Imperi, che pur sono destinati poi a crollare, non avendo alla base una omogeneità “nazionale”, che costituiva il collante dei sistemi costruiti nell’Ottocento.
La stessa Germania che pur si presentava come Impero aveva comunque quel senso di appartenenza, se non altro linguistica e culturale, che faceva superare le divisioni statuali conservate fino alla dichiarazione del Reich nel 1871 e che in parte continua a sopravvivere nel sistema federale attuale. L’Impero zarista era nelle medesime condizioni di quello asburgico,
che tale viene definito proprio perché l’elemento di coesione è solo la dinastia dominante; ed era così anche l’Impero ottomano, già rovinato nei suoi possedimenti europei, ma non da meno in difficoltà nelle regioni mediorientali dove il variegato mondo arabo voleva affrancarsi.
Per continuare a leggere cliccare sul link sottostante….

UTE – RIVOLUZIONE SOVIETICA(6)

 

LUTERO E LA RIFORMA.

Introduzione: novità, riforme senza volontà di rottura

Proviamo ad addentrarci in alcuni capisaldi della dottrina luterana, cercando di seguire l’iter storico che ha portato Lutero a sviluppare il suo pensiero e a renderlo sempre più chiaro. A ben considerare l’evoluzione della sua teologia, dobbiamo dire che egli non aveva inizialmente l’intenzione di fondare una nuova dottrina e quindi di creare una nuova Chiesa in contrapposizione a quella romana. Gli eventi, con l’indurimento da entrambe le parti e l’impossibilità a dialogare, hanno spinto sempre più a far emergere tesi che di fatto negano e distruggono l’impianto cattolico della Tradizione e del Magistero e hanno determinato quella spaccatura che non era nei progetti di Lutero, ma che di fatto si è creata anche con gli strascichi violenti dell’intolleranza.

La revisione, che si sta facendo nell’affrontare la questione, non può affatto modificare il corso degli eventi, ma può cercare di capire con più obiettività e serenità di giudizio i problemi seri che furono posti sul tappeto dalla Riforma e che costituiscono ancora la materia del contendere, pur con la possibilità oggi di trovare comuni denominatori per un più sereno confronto e per la condivisione di un comune cammino nella ricerca dell’unità, pur nella pluralità.

 

Per continuare a leggere cliccare su questo link..UTE-DI-ERBA-LUTERO

 

Fatima 2017: i cento anni di Fatima e i segreti legati alle apparizioni

Premessa

Il centenario di questo evento è l’occasione per fare il punto della questione, cercando di trovarvi una maggiore chiarezza che aiuti a vivere meglio l’evento e ad averne le più precisa comprensione possibile.

Si tratta pur sempre di qualcosa di straordinario e, come per tutte le cose straordinarie, siamo in presenza di un “mistero”, che è pur sempre un fatto, documentabile, dunque, e tuttavia mai sufficientemente chiarito con le parole umane, anche perché prevedono l’intervento di qualcuno o di qualcosa che sfugge alle odierne comprensioni della ricerca scientifica, che pur deve cercare di offrire i suoi strumenti.

Per proseguire nella lettura, cliccare su questo link UTE-di-ERBA-FATIMA-2017(9)

Pasqua 2017

 Riflessione introduttiva.

Proviamo ad immaginare la Pasqua vista e vissuta dalle donne. Non le dobbiamo immaginare come le figure di primo piano nel racconto evangelico; e tuttavia esse occupano uno spazio rilevante, se non altro per l’assenza dei discepoli, che al momento dell’arresto del loro Maestro se ne sono andati, lasciandolo solo. Le donne, invece, compaiono, non solo perché la pietà popolare le immagina a partire dal vangelo di Luca, che piangono in occasione della salita al monte dove sarà giustiziato Gesù, ma perché poi, ben oltre questo gruppo, esse vengono segnalate dagli evangelisti come le sole che rimangono accanto al cadavere in croce, e più ancora piangenti mentre lo accompagnano alla sepoltura, in attesa di poter fare di meglio, passato il sabato solenne della Pasqua ebraica.

Dal loro sguardo, da ciò che esse dicono, senza dir parola, dalla posizione che assumono, noi possiamo riconoscere il mistero pasquale vissuto dal Maestro e comunicato alla loro sensibilità: esse vivono tutti quei sentimenti che il vangelo non fa trasparire e che invece noi vorremmo considerare come elementi non trascurabili del mistero stesso.

Per continuare a leggere, cliccare qui: PASQUA2017-versioneverticale

CROCE E CROCIFISSO

ARBOR DECORA ET FULGIDA
ORNATA REGIS PURPURA,
ELECTA DIGNO STIPITE
TAM SANCTA MEMBRA TANGERE

Albero decoroso e splendido,
adornato dal sangue del Re,
il solo legno scelto per essere degno
di toccare membra così sante.
È solo un pezzo di legno; ma la sua forma naturale ha fatto subito immaginare che anche lì si potesse ravvisare una fisionomia familiare.
È solo un pezzo di legno, e tuttavia questo pezzo di legno può far trasparire un evento che noi continuiamo a considerare, senza
mai riuscire a spiegare sia in parole sia in immagini. Da un pezzo di legno, anche con pochi ritocchi, si può trarre un’immagine che poi la fantasia di ciascuno può ulteriormente elaborare per “vedervi” un messaggio antico e nuovo insieme.
Da un pezzo di legno si possono trarre tante cose utili e anche storie ricche di insegnamento oltre che di fascino. In questo pezzo di legno vi possiamo
trovare un’immagine che racchiude in sé il momento culminante della storia umana, laddove lo strumento di passione si trasforma in sorgente di vita…….

Clicca qui sotto per leggere la lezione integrale.
CROCE E CROCIFISSO – versione verticale(1)

Mare Nostrum: Tibhirine.

Nel tema “Mare Nostrum” rientra l’analisi dell’ apporto di personaggi e popolazioni, vissute sulle sponde del Mediterraneo, che abbiano contribuito a rendere questa parte di mondo così come è.

Tra questi ci sono i monaci di Tibhirine, trucidati 20 anni fa dal fanatismo islamico. Per accedere al testo integrale della lezione cliccare  sul link sottostante.

UTE di ERBA – Tibhirine

Don Andrea Santoro a dieci anni dall’uccisione

 

Storicamente il mondo islamico più ostile al mondo occidentale è stato il mondo turco, perché di lì veniva quel genere di contrapposizione armata che ha portato spesso allo scontro e comunque a fronteggiarsi tra le due parti del Mediterraneo, non più considerato “Mare nostrum”.

Se nel Medioevo erano stati frequenti i contatti culturali e commerciali tra mondo arabo e mondo europeo, non più così quando si affacciano i Turchi, che di fatto assumono il califfato e quindi anche la guida politica del mondo arabo in nome della comune religione. Di fatto anche gli arabi erano asserviti al potere della “Sublime Porta” di Istanbul.
Dopo i vani tentativi di penetrare in Europa giungendo fino a Belgrado e alle porte di Vienna, i Turchi si attestano nella penisola balcanica, dove si creano territori a maggioranza musulmani. Tuttavia anche qui il Cristianesimo, per quanto minoritario o comunque tollerato, non riesce ad essere sradicato

Chi volesse proseguire la lettura deve solo fare un  clic sul link sottostante.

 

UTE – don Andrea Santoro

Mare Nostrum: Annalena Tonelli.

Da sola ANNALENA TONELLI si è dedicata ai suoi Somali, come già aveva fatto in Kenya, venendone cacciata via. Diciamo che è sola perché non fa parte di alcuna organizzazione, neppure di carattere religioso. Per quanto cattolica e decisa a muoversi forte della sua fede, non ha comunque cercato appoggi sia sotto il profilo economico, sia sotto il profilo organizzativo, contando sugli aiuti che gli venivano dagli amici in Italia…

UTE di ERBA – Annalena Tonelli

Populorum Progressio.

Nel cinquantesimo anniversario della  pubblicazione dell’enciclica:

L’enciclica in esame fu pubblicato il 26 marzo 1967, 50 anni fa.
Montini è divenuto Papa il 21 giugno 1963 e ha guidato nei suoi primi anni la Chiesa per portare a compimento il Concilio Vaticano II, che pure fece una Costituzione Pastorale sui problemi che la Chiesa deve affrontare nel suo dialogo con la società contemporanea.
Quella Costituzione rimane la carta fondamentale a cui deve ispirarsi la Chiesa nel suo operare dentro il mondo. Ma poi è necessario che vi siano interventi del Magistero, quali le encicliche papali e i Sinodi dei Vescovi perché le questioni più dibattute e le tematiche emergenti abbiano una salutare riflessione e indicazioni sulle quali poi chi opera nel sociale
possa arrivare alle applicazioni concrete, operative.
Quando il Papa si mette a scrivere questa enciclica, siamo nel cuore degli anni ’60, in un momento in cui non è ancora scoppiata la contestazione del 1968 e tuttavia si hanno già le prime avvisaglie di un cambiamento radicale…….
Per continuare a leggere, cliccare qui: POPULORUM PROGRESSIO